home
111
11
1

 

LA BLEFAROPLASTICA

E’ nota quale e quanta sia l’importanza degli occhi nell’estetica del volto. La ptosi (eccedenza cutanea) delle palpebre, con la presenza di grasso segnano l’invecchiamento del viso. A volte persone anche giovani per problemi estetici in questa regione dimostrano più anni di quanto l’anagrafe non dimostri o assumono un aspetto particolarmente affaticato.

 

L’intervento di blefaroplastica attraverso la correzione chirurgica della lassità delle palpebre superiori e l’asportazione dell’eccesso adiposo.

La maggior parte dei Pazienti vanno dai quaranta ai sessanta anni di età, ma la blefaroplastica può essere eseguita  con successo anche a settanta anni e oltre.La blefaroplastica può ridare un aspetto giovanile ed aumentare la Sua autostima ma non può ridonarLe salute e vitalità proprie della giovinezza. Prima di sottoporsi all’intervento pensi bene alle Sue aspettative e ne parli con il Suo chirurgo.

 

 

 

Tutta la chirurgia espone ad inconvenienti e rischi

La blefaroplastica viene eseguita da Chirurgi qualificati e le complicanze sono rare e comunque di modesta entità. Comunque variazioni anatomiche individuali, proprie reazioni fisiche e la Sua capacità di cicatrizzazione non sono prevedibili. Le complicanze che possono verificarsi includono l’ematoma (raccolta di sangue sotto la pelle che deve essere rimossa dal chirurgo), infezioni e reazioni all’anestesia. Una cattiva cicatrizzazione è più frequente nei fumatori.

 

Pianificazione dell'intervento

Le verrà consigliata una condotta particolare per quanto riguarda l’alimentazione ed il fumo. Le verrà consigliato il digiuno dalla mezzanotte del giorno precedente l’intervento e potrà essere consigliata la sospensione e la somministrazione di alcuni farmaci.
E’ di particolare importanza ridurre il fumo almeno una o due settimane prima dell’intervento; il fumo inibisce la circolazione sanguigna nella pelle e quindi può interferire sulla cicatrizzazione. Inoltre Le verrà consigliato di farsi venire a prendere alla clinica il giorno della dimissione e di avere qualcuno di aiuto per alcuni giorni dopo l’intervento, se necessario.
Deve essere comunque chiaro che una blefaroplastica, tratta solamente la regione peri-oculare. Nel cedimento cutaneo anche strutture anatomiche vicine sono coinvolte, come ad esempio l’arcata sopraccigliare che tende ad abbassarsi nel corso degli anni allungando la piega cutanea della palpebra superiore e dando all’occhio quella poca luminosità che non verrà risolta dalla sola blefaroplastica.
Se l’intento è di risolvere anche questo inestetismo, è bene programmare una sospensione del muscolo temporale che si ottiene per via endoscopica attraverso una minima incisione in mezzo ai capelli. Questa tecnica avrà due vantaggi: il primo di accorciare la cicatrice chirurgica della palpebra superiore, il secondo di dare maggiore luminosità all’occhio perché l’arcata sopraccigliare sarà risollevata alla sua posizione naturale.

 

Luogo dell'intervento

La blefaroplastica viene eseguita in sala operatoria in day hospital, o con ricovero di 24 ore

 

Tipo di anestesia

La blefaroplastica può essere eseguita in anestesia locale o generale a seconda dei casi e comunque il chirurgo ne discuterà con Lei.

 

L'intervento

La blefaroplastica si divide in superiore ed inferiore. La blefaroplastica superiore è un intervento di circa 40 minuti e mira all’asportazione dell’eccesso cutaneo che appesantisce la palpebra superiore; la cicatrice è sottilissima e posizionata nella piega naturale dell’occhio e quindi praticamente invisibile. La blefaroplastica inferiore è un intervento di circa un’ora e consiste nell’asportazione del tessuto adiposo responsabile delle “borse sotto agli occhi”;



Generalmente viene ritirata una piccolissima quantità di cute  assieme ad una piccola quantità di grasso incidendo la via esterna e lasciando una piccolissima cicatrice sotto le ciglia.
Al termine dell’intervento viene posizionata una medicazione modicamente compressiva e fredda per un paio d’ore.

 

Dopo l'intervento

Le verranno prescritti farmaci per i fastidi post-operatori che comunque non saranno rilevanti. Per qualsiasi fastidio o condizione particolare sarà il Suo chirurgo a risolvere eventuali problemi.
Lividi e gonfiori sono normali e spariranno in pochi giorni
Alla dimissione non avrà nessuna medicazione ma Le consiglio di indossare occhiali da sole scuri per alcuni giorni.
I punti verranno rimossi entro tre/quattro giorni.

 

Ritorno alla normalità

Sarà in piedi già il primo giorno ma si conceda riposo assoluto almeno per 48 ore.
Il chirurgo Le fornirà i modi ed i tempi per il Suo ritorno all’attività lavorativa (solitamente dopo 5-7 giorni).
Eviti comunque attività faticose per almeno una settimana; eviti alcool, bagni caldi e saune per una settimana; limiti le esposizioni solari delle cicatrici per alcuni mesi.